News

News del 12 settembre 2017
No agli sgravi se l’azienda non comunica il nome del responsabile del servizio di protezione
La Cassazione, con la sentenza 21053/2017, conferma la condanna nei confronti dell’azienda, già espressa in secondo grado.
Se l’impresa non comunica entro i termini prescritti dalla legge il nome del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, perde gli sgravi contributivi. Così la Corte di Cassazione con la sentenza 21053 dell’11 settembre 2017, con la quale la Suprema Corte ha confermato la valutazione d’Appello che aveva respinto il ricorso dell’azienda.

Secondo gli Ermellini, è essenziale comunicare all’ispettorato del lavoro e all’Asl il nominativo della persona designata: gli adempimenti della normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro sono inderogabili e, per questo, la designazione di un soggetto garante è «presidio della completa e corretta applicazione delle misure adottate».
 
 

N. 18/2017

Periodo di riferimento:

dal 16 al 30 settembre 2017

Scarica pdf Scarica word

News

20/09/2017

Le associazioni dei commercialisti incontrano Casero...
Incontro ieri pomeriggio tra le sette sigle delle...

20/09/2017

CNDCEC: venerdì e sabato il convegno sull’economia...
Sul sito del Consiglio sono già stati pubblicati i...

Rassegna Stampa

20 settembre 2017

Italia Oggi
Chi rottama può compensare
Claudia Marinozzi (pag.27)

Il Sole 24 ore
Costi esagerati senza rettifica IVA
Laura Ambrosi e Antonio Iorio (pag.21)

Loading

Scadenze

© Copyright MAP Servizi S.r.l. - Via Cervino, 50 10155 Torino - Tel 011.5069533 - Mail: info@solmap.it
P. IVA 08670500019 - Registro delle imprese di Torino 08670500019 - Capitale sociale 100.000 euro -  Privacy Policy - Cookie Policy